Guillaume Martin: “Voglio tenere questa maglia il più possibile”

img
img
img
img
shape
shape
blog-details
28
ott

Il francese vuole portare a Madrid la maglia di miglior scalatore della Vuelta

Guillaume Martin ha deciso di affrontare questa Vuelta all’attacco. Nessun pensiero per la classifica generale, ma caccia ai successi di tappe e all’obiettivo della maglia di miglior scalatore. 

La prima cosa non è ancora arrivata, anche se nelle ultime tre tappe il francese ha colto un secondo, un sesto e un quinto posto, la maglia a pois (seppur nella variante cromatica della corsa spagnola) invece sì.

È’ successo al termine della settima tappa (vinta da Woods), in cui il corridore della Cofidis ha sfruttato al meglio la doppia ascesa al Puerto de Orduña, per strappare la maglia a Wellens e piazzarsi con 27 punti in testa alla speciale classifica degli scalatori (al secondo posto c’è un avversario temibile come Sepp Kuss con 24 punti).

“Dal momento in cui ho addosso questa maglia - ha dichiarato Martin - farò tutti gli sforzi per tenerla il più a lungo possibile - anche fino a Madrid. Arrivare quinto su un gruppo di cinque fuggitivi non è il massimo, così come andare vicino alla vittoria per tre volte senza raggiungerla, ma ci riproverò”.

Rispetto al Tour, dunque, Martin ha deciso di intraprendere una strategia più spregiudicata, anche perché la Vuelta si presta a questo tipo di interpretazione: “Ho corso molto libero, stiamo assistendo a delle tappe imprevedibili e credo che questo sia molto divertente anche per gli spettatori alla televisione. Mi sono ritrovato per il terzo giorno di fila a lottare per la tappa, non era previsto, ma c’è stato subito movimento in corsa fin dall’inizio della prima salita e allora ne ho approfittato per guadagnare punti nella classifica scalatori”.

Vedremo se Guillaume Martin riuscirà a portare la maglia fino a Madrid, in ogni caso potrebbe prendere spunto da questa Vuelta per interpretare al meglio il proprio stile in corsa, senza l’ossessione della classifica generale.